Le ferrovie di Mecklenburg ed Oldenburg

Le ferrovie del Mecklenburg

Origini

Il Mecklenburg è una regione della Germania Settentrionale che comprende la parte occidentale (e la più ampia) dell'attuale Land del Mecklenburg-Pomerania Anteriore. Le città più importanti sono Rostock, Schwerin e Neubrandenburg. Nel 1815, i Ducati di Mecklenburg-Schwerin e Mecklenburg-Strelitz vennero elevati al rango di Granducati e rimasero due entità statali separate sino alla fine della I GM.
La prima ferrovia sul territorio del Mecklenburg fu la Berlino-Amburgo, inaugurata nel 1846: nonostante fosse totalmente finanziata e costruita dalla Prussia, furono co- struite svariate stazioni al servizio delle località del Mecklenburg. Tuttavia, il 10 marzo di quello stesso anno la Mecklenburgische Eisenbahngesellschaft (M.E.G. - Società della Ferrovia del Mecklenburg) ottenne la concessione per una linea da Hagenow a Schwerin e Wismar e, via Bützow, a Rostock, con una diramazione per Güstrow: i lavori furono completati il 13 maggio 1850.

Sviluppo

Mancava tuttavia un collegamento est-ovest che raggiungesse il Mecklenburg- Strelitz, per il quale non si trovavano finanziatori di un certo peso. La linea Güstrow-Teterow-Malchin-Neubrandenburg fu pertanto costruita per iniziativa del Granduca di Mecklenburg-Schwerin, di cui era proprietà personale e da cui prese il nome. La Friedrich-Franz Eisenbahn (Ferrovia Friedrich-Franz) fu inaugurata l'11 novembre 1864 alla stazione di Teterow alla presenza di entrambi i Granduchi. Nel 1867 seguì il collegamento, attraverso il territorio prussiano, con Strasburg (Uckermark). Nel frattempo, per prolungare la linea fino a Lubecca era stata fondata la 'Società per la Ferrovia Lubecca-Kleinen', che ottenne la concessione il 20 dicembre 1865: tuttavia i lavori vennero interrotti nel 1868 per mancanza di fondi. A quel punto subentrò lo Stato: i lavori ripresero e il 1 luglio 1870 la linea fu inaugurata.
Il riconoscimento dell'importanza delle ferrovie per uno Stato e il desiderio di prevenire un'acquisizione delle proprie ferrovie da parte del Reich (come pianificato da Bismarck) e di usufruire del buon margine operativo della MEG, portarono alla nazionalizzazione. Il 20 aprile 1873 il governo acquistò la MEG e la fuse con la FFE nella Großherzoglich Mecklenburgische Friedrich-Franz-Eisenbahn (Ferrovia Granducale Friedrich-Franz del Mecklenburg), che però dovette essere ri-privatizzata due anni dopo, perché il governo non era in grado di pagare i precedenti azionisti.
Così il 2 aprile 1875 fu costituita la Mecklenburgische Friedrich-Franz- Eisenbahn Gesellschaft (M.F.F.E. - Società per la Ferrovia Friedrich- Franz del Mecklenburg) che gestì le ferrovie fino alla definitiva nazionalizzazione del 1890. La MFFE costruì una linea da Waren a Malchin, ma fra il 1875 e il 1890 l'estensione della rete ferroviaria fu dovuta all'apertura di nuove linee da parte di gruppi di imprenditori privati.
A partire dal 1889 lo Stato iniziò ad acquisire le 9 ferrovie private esistenti, un processo che richiese un po' più tempo per le società più importanti e più remunerative. Dal 1 febbraio 1890 le preesistenti società confluirono nella nuova Ferrovia Granducale, che mantenne la sigla MFFE e costruì un buon numero di nuove linee per migliorare il servizio ferroviario del paese: particolarmente significativa fu l'istituzione del collegamento con la Danimarca attraverso il Baltico. Infatti nel 1903 il vapore postale che, fin dal 1886, collegava Warnemünde a Nykøbing/Falster, fu sostituito da un traghetto ferroviario da Warnemünde a Gedser. La MFFE costruì appositamente una nuova stazione a Warnemünde e una darsena con due attracchi. Furono anche acquistati due traghetti: il "Friedrich- Franz IV" e il "Mecklenburg". Il collegamento era gestito congiuntamente con le Ferrovie Danesi e consentiva il servizio diretto da Berlino a Copenhagen. Con lo scoppio della I GM il traffico ferroviario venne totalmente rivisto in funzione delle necessità belliche. Dopo la rivoluzione del novembre 1918 e l'abdicazione del Granduca (il 13 dello stesso mese), la denominazione divenne Mecklenburgische Landeseisenbahn (Ferrovia del Territorio del Mecklenburg) fino al 1920, quando le ferrovie del Mecklenburg confluirono nella DR.

Organizzazione

La FFE stabilì la propria Direzione a Malchin, dove rimase fino a che, con la creazione della Großherzoglich Mecklenburgische Friedrich-Franz-Eisenbahn, non fu trasferita a Schwerin a costituire la Direzione Generale Granducale della Ferrovia, per poi diventare, con la confluenza nella DR, la 'Direzione di Schwerin'.

Industria ferroviaria locale

Il Mecklenburg si rifornì di rotabili quasi esclusivamente dalla Prussia. La sola autentica locomotiva del Granducato fu la T4, una locotender per linee secondarie. Contrariamente ad altre Amministrazioni tedesche, la MFFE non ebbe locomotive per treni veloci. Gli espressi internazionali Berlino-Copenhagen (via Warnemünde-Gedser) e i rapidi Rostock-Amburgo erano infatti affidati a locomotive prussiane di prestazioni adeguate a questo tipo di servizi.

Le ferrovie dell'Oldenburg

Origini

Il Granducato di Oldenburg (con l'omonima capitale) era collocato nella Germania occidentale, incuneato fra il Mare del Nord e il Ducato di Hannover (dal 1866 Provincia del Regno di Prussia) confinante con la Città-Stato di Brema. Rispetto agli altri stati del Reich tedesco, nell'Oldenburg la prima ferrovia fu inaugurata relativamente tardi. In quest'area scarsamente popolata e relativamente povera, infatti, la costruzione di linee ferroviarie apparve a lungo come impossibile, dati i costi. Inoltre le differenti idee degli stati confinanti bloccarono qualunque progetto per lungo tempo.

Sviluppo

Fu solo nel 1864 che venne firmato un trattato con la Prussia per la costruzione di una linea che collegasse Oldenburg a Brema e fu costituita la Großherzoglich Oldenburgische Eisenbahn (G.O.E. - Ferrovia Granducale dell'Oldenburg). Al contempo la Prussia si impegnò a costruire una linea che collegasse Oldenburg a Heppens (l'attuale Wilhelmshaven). Il 17 novembre 1866 fu inaugurata la prima tratta della Oldenburg-Brema, completata nel luglio 1867, mentre a settembre dello stesso anno fu completata la Oldenburg-Heppens. Nel 1869 la Oldenburg-Brema fu prolungata fino a Leer nella Frisia Orientale (all'epoca facente parte della Prussia), con un'interconnessione con la Ferrovia Occidentale dell'Hannover e nel 1876 fu connessa con le ferrovie olandesi. Un fondamentale collegamento verso sud fu aperto quello stesso anno con una linea che da Oldenburg raggiungeva la Osnabrück-Rheine.

Organizzazione

Inizialmente l'organo amministrativo fu la 'CommissioneFerroviaria Granducale', costituita nel 1864 e con sede a Oldenburg, che divenne, il 1 aprile 1867, la 'Direzione Ferroviaria Granducale'. Come le altre Länderbahnen, nel 1920 la GOE confluì nella DR: la ex-Direzione Granducale fu smantellata e il personale fu ridistribuito tra le Direzioni DR di Hannover, Amburgo e Münster.

Industria ferroviaria locale

L'Oldenburg non ha mai sviluppato una propria industria ferroviaria e si è sempre rivolto a produttori tedeschi per le proprie necessità di rotabili.