Baureihe BR 1711-12

Locomotiva prussiana, già
S 101 KPEV Tipo 1914

Nella foto: S 10.1 Tipo 1914 KPEV (modello Roco)

Scheda tecnica

Dati generali


Numerazione 17 1124÷17 1144
17 1154÷17 1209
Impiego treni passeggeri veloci
Tipo locomotiva a tender separato
Costruttore Henschel
Rodiggio 2'Ch4v
Consegna 1° esemplare 1914
Gattung DRG S 35.17
N° esemplari prodotti 77
Vmax (km/h) 120
Potenza (kW/CV) 1.050/1.428

Misure e masse


Lunghezza ai resp. (con tender) 21.110 mm
Massa in servizio 82,2 t
Diametro ruote portanti ant./post. 1.000/- mm
Carico assiale 17,1 t
Diametro ruote motrici 1.980 mm
Tender (tipo)
pr. 2'2' T.31,5
Passo 2.700 mm
Tender
(scorte carbone)
7 t

Prestazioni


Pendenza Massa rimorchiata Velocità
0‰ 450 t
100 km/h
5‰ 445 t
70 km/h
10‰ 390 t
50 km/h

Premesse storiche

Nel 1913 l'Ing. Heise progettò, su rihiesta dell'Ing. Hinrich Lübkens, successore dell'Ing. Garbe nell'EZA, una versione alleggerita della S 10.1. che consentisse di installare un preriscaldatore dell'acqua di alimentazione per incrementare il rendimento della macchina. Le modifiche previste furono inizialmente applicate a 20 esemplari di S 10.1 che furono ricostruiti con esito positivo. Furono pertanto ordinate altre 57 macchine analoghe, i cui primi otto esemplari furono consegnati alle Reichseisenbahnen dell’Alsazia-Lorena. La collocazione dei cilindri esterni a metà del carrello di guida e la posizione più alta della caldaia e dei praticabili (con l'eliminazione dei passaruota) rese più piacevole e moderno l'aspetto delle nuove locomotive, che mantennero la classificazione S 10.1. Per distinguerle furono indicate, dalla data di consegna del 1° esemplare, come "Tipo 1914", mentre le precedenti S 10.1 furono indicate come "Tipo 1911".

Tecnica

Per consentire l'installazione del preriscaldatore, furono rimossi i pesanti montanti dei cilindri, che nelle S 10.1 Tipo 1911 si erano resi necessari a causa dei cilindri AP e BP sfalsati. I cilindri esterni furono portati in avanti e posizionati a metà del carrello di guida, allineandoli così con quelli interni, anche sul piano orizzontale. Fu mantenuta la trasmissione de Glehn su due assi e la distribuzione dei cilindri interni fu semplificata. Come nelle S 10, la parte anteriore del telaio fu realizzata a barre per facilitare l'accesso al motore. Per incrementare la superficie di griglia e quella di surriscaldamento furono aumentate le dimensioni della caldaia, il cui asse ora era più alto sul piano del ferro. Come per le altre BR 17 il continuo (ed eccessivo) utilizzo di queste macchine - relativamente leggere - per due decenni al traino di treni da 500-600 t aveva obbligato il personale, per rispettare gli orari, a superare spesso (e di molto) il normale regime di griglia di 57 kg/mq/h. Pertanto le caldaie delle Tipo 1914 (nel frattempo riclassificate BR 17.11-12) erano notevolmente logorate. Così, quando alla metà degli anni '30 la produzione industriale fu sempre più spostata verso gli armamenti, per sopperire alla conseguente carenza di locomotive unificate di nuova costruzione si decise di montare sulle BR 17.11-12 in migliori condizioni una nuova caldaia, con cui operarono sino a fine carriera.
Le S 10.1 furono provate estesamente sia dalla KPEV sia dalla DRG. Il Tipo 1914, con potenze tra 1.060 kW (1.440 CV) e 1.045 kW (1.429 CV) emerse come il più prestante. Le caratteristiche di marcia delle macchine erano eccellenti e la velocità massima misurata nelle prove al LVA Grunewald risultò di 152 km/h.

Impiego

Dopo la I GM tutte le S 10.1 Tipo 1914 furono prese in carico dalla DR, che le classificò BR 17.11-12 e le utilizzò in modo del tutto analogo alle Tipo 1911. Anche queste macchine, pertanto, nella seconda metà degli anni '30 venivano utilizzate pressoché esclusivamente per i treni diretti e ordinari più leggeri, anche se alcune erano state selezionate per sostituire le macchine unificate in caso di guasto, grazie all’elevata riserva di prestazione, come la BR 17 1177, che il 12 marzo 1938 sostituì la BR 61 001 e trainò con puntualità l'Henschel-Wegmann da Berlino a Dresda. Dopo la guerra, tra logorio ed eventi bellici di BR 17.11-12 in efficienza ne erano rimaste ben poche: 5 nelle Zone di Occupazione occidentali (17 1158, 1176, 1177, 1198, 1199) e 5 nella Zona orientale. Le prime, per via della "regola dei 20 esemplari" e delle pessime condizioni furono tutte radiate entro il 1950. Le seconde furono utilizzate dalla DR sino alla fine degli anni '50 in turno con le BR 17.10-11 e due furono trasformate per l'alimentazione a polvere di carbone sistema Wendler. Con un arco di vita di più di 50 anni anche le S10.1 Tipo 1914, coosì come le Tipo 1911, rientrano nel novero delle locomotive veloci tedesche più significative ed affidabili.